Vino & Design - Importazione e distribuzione vino e distillati | Jurij Fiore & Figlia
1503
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-1503,cookies-not-set,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-6.9,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
CATEGORIE

Vino > Italia > Toscana

Jurij Fiore & Figlia

In Toscana quando dici Lamole pensi subito al buon vino. Perché è storicamente assodato che su questa collina, i cui vigneti si trovano a circa 600 metri di altitudine tra le località di Greve in Chianti e Panzano, il Sangiovese ha forse la sua culla più famosa. Anche se oggi il borgo è pressoché disabitato (solo poche decine i residenti), la sua tradizione vitivinicola è portata avanti da alcune piccole aziende di famiglie qui radicate da generazioni – con l’unica eccezione di Lamole di Lamole (del Gruppo Santa Margherita). Un luogo straordinario dove le vigne, in parte ancora terrazzate, si alternano alla tradizionale coltivazione del giaggiolo affacciandosi sui rilievi dell’Alta Valle della Greve.

Dove nasce Jurij Fiore e Figlia

Ebbene, da una settimana la comunità vitivinicola di Lamole si è arricchita di un nuovo gioiello enoico. Jurij Fiore, 48 anni, secondogenito di Vittorio Fiore, enologo di fama e proprietario insieme alla moglie Adriana Assié di Marcorà di Podere Poggio Scalette (Il Carbonaione, Piantonaia, Capogatto, ecc.) nella vicina collina di Ruffoli, lunedì 27 marzo ha presentato ufficialmente la sua personale “chicca”: la Jurij Fiore & Figlia. Dimensioni dell’azienda? Microscopiche: 1,8 ettari e 2.203 bottiglie tra rosato 2016 e due Chianti Classico 2015 che entrano per la prima volta in commercio.

Un sogno di famiglia

Per presentarla, visibilmente emozionato, ha riunito accanto a sé nel vecchio teatrino della parrocchia di San Donato a Lamole tutti i produttori di Lamole, oltre a parenti e amici giornalisti. «In famiglia», ha spiegato Jurij, «abbiamo sempre coltivato l’idea di prendere qualche vigna anche a Lamole, e finalmente io insieme a mia figlia Sara ci siamo riusciti, dando vita all’azienda Jurij Fiore e Figlia. Premetto che la Cantina rimarrà comunque piccola, anche se sto affrontando questa nuova esperienza con grande entusiasmo». La superficie vitata è distribuita in più parcelle dove oltre al Sangiovese sono presenti pochi filari di altre varietà rosse tradizionali.