Vino & Design - Importazione e distribuzione vino e distillati | Sauer
92
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-92,cookies-not-set,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-6.9,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
CATEGORIE

Vino > Germania > Franconia

WEINGUT HORST SAUER

Bocksbeutelstr, 14
D-97332 Escherndorf

www.weingut-horst-sauer.de

HORST SAUER

Così affascinante è la moglie e così bella la figlia, che non è facile concentrarsi sui Riesling di Horst Sauer, vignaiolo di Eschendorf, un villaggio sul Meno, in Franconia. Per tanti versi Sauer si distacca dall’immagine tipica del viticoltore tedesco: ha un temperamento caldo e può vantare una buona dose di autocritica. Ascolta con attenzione i giudizi degli altri e chiede spesso il parere di chi degusta i suoi vini. Parla e pensa velocemente, impaziente a volte persino con se stesso. Ama l’innovazione, perfino nelle etichette, scandalosamente moderne. “E’ dalla testa che nasce un buon vino:A questa è la filosofia della mia azienda” dice. Anche la nuova cantina costruita recentemente nel monte, con gli attualissimi contenitori di acciaio, conferma l’immagine di una azienda che non teme la modernità, ma non per questo intende tradire le buone tradizioni locali. “Sono per una vinificazione lenta nella quale intervenire il meno possibile, perché i vini siano al meglio, come chi li beve del resto”. Così dicendo versa dalle tradizionali bottiglie della Franconia, le Bocksbeutel, i Silvaner e i Riesling eleganti e minerali della “Escherndorfer Lump” che lo hanno reso celebre ovunque.
Non capita tutti i giorni di sentire un vignaiolo affermare “Voglio produrre vini che mettano allegria”. Il fatto è che per Sauer il vino rappresenta molto di più di una bevanda, è una grande gioia della vita. Per questo, quando stappa una bottiglia e ne assaggia il contenuto, anche se pienamente soddisfatto dei suoi capolavori, lascia a stento trapelare il suo compiacimento. I successi non gli hanno dato alla testa e preferisce rimanere con i piedi ben saldi a terra.

Da milioni d’anni la zona ha un microclima che si chiama “Lage Lump” è che da luce sui vigneti di Horst Sauer. I vigneti ripidi si aprono come uno specchio verso il sud. E’ una valle che sfrutta la luce del sole durante l’anno e protegge le vigne d’inverno contro i venti gelati provenienti dal nord e l’est. La combinazione di vigneti ripidi, luce del sole e terreno calcareo é unica. Horst Sauer, il suo entusiasmo lo coltiva in silenzio.