Vino & Design - Importazione e distribuzione vino e distillati | Von Schubert-Grünhau
443
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-443,cookies-not-set,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-6.9,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
CATEGORIE

Vino > Germania > Mosel

Von Schubert-Grünhau

Hauptstr. 1
54318 Mertesdorf

www.vonschubert.com

Von Schubert-Grünhau

Il dottor Carl von Schubert è un simpatico proprietario terriero, nobile, colto, educato, buon parlatore, vestito con eleganza, legato alla tradizione (l’etichetta dei suoi vini non cambia da circa un secolo) ed ha una moderata tendenza all’understatement: non è certo un caso se la vettura della ditta è un maggiolino verde.

Il vigneto si estende nella valle della Ruwer, un affluente della Mosella, attorno al un’antica casa padronale assai suggestiva, arricchita da un giardino all’inglese con alberi di magnolie, sentieri di ghiaia e un bassotto grigio di nome Fidibus.

Qui il Dr. Von Schubert produce dei Riesling delicati che vantano un’acidità minerale, un sapore fruttato leggero e una maturazione straordinaria. Vini che non temono l’invecchiamento e che possono offrire meraviglie anche a distanza di oltre trent’anni!

Le vigne in posizione migliore – di fronte alla casa padronale, su pendii così ripidi che consentono solo una lavorazione manuale – si differenziano a seconda del terreno:

– l’Abtsberg produce vini ricchi di bouquet e saporiti, con una acidità leggermente fruttata;

– sul Bruderberg maturano vini forti, corposi e minerali;

– sulla Herrenberg infine, si coltivano quelli più robusti, dai profumi floreali, con una forte acidità.

I nomi di questi appezzamenti appartengono alla storia della casa, menzionata per la prima volta in un documento del 996; casa che per molti anni è stata una abbazia dedicata a San Massimino.

Tale è la cura di questi vini, che alcuni hanno una specie di carta d’identità, sulla quale è annotato perfino il numero della botte: per esempio “1999er Riesling Abtsberg Auslese nr. 165”.

Come si suol dire “Noblesse oblige”.